Топ-100
Indietro

ⓘ Disastro ambientale



Disastro ambientale
                                     

ⓘ Disastro ambientale

Per disastro ambientale si intende un fenomeno con una vasta ricaduta sullambiente, avente origine naturale e non, inteso in senso biologico, che si configuri come catastrofico per:

  • la numerosità degli organismi viventi coinvolti;
  • la gravità degli effetti su tali organismi;
  • la vastità del territorio interessato.

Si includono, per grandi rischi corsi potenzialmente catastrofici, anche i disastri ambientali sfiorati.

                                     

1. Caratteristiche

Gli eventi possono essere causati o incentivati generalmente dalluomo. Luomo stesso ed il suo territorio sono naturalmente ascritti allinsieme considerato, e soggetto al disastro. Meno frequente invece che il disastro provenga da parte dellazione di altre razze animali: generalmente si tratta di razze non autoctone ma introdotte artificialmente che distruggono un habitat creato nel tempo e senza la loro presenza.

Possiamo distinguere fra:

  • disastri provocati da altre specie animali.
  • disastri provocati dallazione diretta delluomo e dalle sue attività;

Il disastro ambientale non si deve confondere con i disastri naturali o calamità naturali, ascrivibili a eventi del tutto naturali. Spesso tuttavia questi fenomeni naturali ricevono un effetto di amplificazione a causa delle attività antropiche, sfumando facilmente il confine tra le due categorie. Ad esempio, la deforestazione di unarea collinare, quindi un diretto disastro ambientale, può trasformare un relativamente innocuo nubifragio in una frana devastante, che senza lintervento delluomo sarebbe classificato un disastro naturale.

In questa voce si fornirà una breve sintesi, premettendo anche nelle future aggiunte:

  • la data significativa dellevento, lagente causale primo ed il luogo od il territorio interessato.
                                     

2.1. Disastri ambientali famosi nel mondo Disastri chimici, petrolchimici

Alcuni di questi fatti sono in parte descritti in coda alla voce relativa allindustria chimica

  • 1958 - Rifiuti - Italia - Trieste - Viene inaugurata la discarica di Trebiciano. Da allora, fino alla chiusura avvenuta nel 1972, vi furono conferiti in modo incontrollato rifiuti di ogni genere, dai rifiuti solidi urbani ai rifiuti tossici industriali, contaminando le acque del sottostante fiume sotterraneo Timavo. Tra gli anni cinquanta e gli anni ottanta ci furono sversamenti di rifiuti pericolosi anche in altre aree del territorio triestino, in particolare allinterno delle grotte carsiche e nei fondali adriatici.
  • 1976, 10 luglio - Diossine - Italia - Seveso - Nello stabilimento della ICMESA Givaudan esplode un reattore, disperdendo nellambiente TCDD tetracloro-p-dibenzodiossina. Seimila residenti esposti ai danni a causa del disastro di Seveso.
  • 1984 - Metilisocianato - India - Bhopal - esplosione nello stabilimento della Union Carbide con dispersione di 40 tonnellate di Metilisocianato - 100.000 feriti, 2.000 morti a causa del disastro di Bhopal.
  • 1948 - Zinco - Stati Uniti dAmerica - Disastro ambientale di Donora, 20 morti ed altri 50 nel mese seguente.
  • 1952 - Mercurio - Giappone - malattia di Minamata - casi di intossicazione da metilmercurio, in prevalenza villaggi di pescatori che si alimentavano di pesce contaminato, a larghissimo raggio di diffusione. 2265 vittime accertate nel 2001, in gran parte bambini, con effetti neurologici particolarmente gravi, 17000 richieste di risarcimento.
  • 1947 - Nitrato di ammonio - Stati Uniti dAmerica - Disastro di Texas City, 576 morti.
  • 1932 - Policlorobifenili - Italia - Brescia, presso lo stabilimento chimico Caffaro, acquisito dalla Monsanto, inizia la produzione di policlorobifenili, causando gravissimi problemi dinquinamento ambientale e gravi malattie tra lavoratori e residenti nei dintorni. La produzione continuò fino al 1983, quando i policlorobifenili furono vietati in Italia.
  • 1906 - Amianto - Italia, a Casale Monferrato inizia la produzione di fibrocemento Eternit, da parte dellomonima ditta svizzera. Le lavorazioni porteranno a molti morti principalmente per mesotelioma tra i lavoratori, i loro familiari e i residenti nei pressi dello stabilimento, accertate nel solo decennio relativo alla chiusura della linea di produzione. Lattività procederà fino al 1986. Le vittime saranno oltre 2000 e continueranno ad aumentare nei prossimi anni.
  • 1952 - Idrocarburi - Regno Unito Londra, la cosiddetta "nebbia nera" o Grande smog Great Smog o Big Smoke formatasi per laccumularsi di smog a causa di particolari condizioni di calma atmosferica, causò nel mese di dicembre la morte diretta di oltre 4000 persone e fino a 12000 per le conseguenze.
  • 1917 - Esplosivi - Canada il porto di Halifax il giorno 6 dicembre fu oggetto della più grande esplosione pre-atomica 3 chilotoni, a cui seguirono 2000 morti e danni fino ad un raggio di 16 km.
  • 2015 - Arsenico e piombo - Stati Uniti - Colorado. 11 milioni di litri di fango contaminato da metalli pesanti provenienti da una miniera abbandonata si riversano accidentalmente nel fiume Animas.
  • 1930 - Idrocarburi - Belgio, valle della Mosa presso Liegi fenomeni dinversione termica causarono la stasi di inquinanti atmosferici convenzionali, causando la morte di 60 persone.
  • 1985 - Clorofluorocarburi - Viene descritto per la prima volta sulla rivista Nature il buco dellozono.
  • 1994 - Rifiuti - Italia - Campania. Inizia a manifestarsi la crisi dei rifiuti in Campania, che da allora si è ripetuta periodicamente ed è tuttora parzialmente irrisolta. Molti morti per tumori e altre patologie nellarea nota come Terra dei Fuochi a causa dello sversamento nellambiente di rifiuti tossici industriali e della combustione incontrollata di rifiuti. Gravi problemi dinquinamento di suolo, falde acquifere e aria. Pesante coinvolgimento della camorra nelle attività di smaltimento dei rifiuti.
  • 2011 - Idrocarburi - Nigeria. Viene pubblicato uno studio di impatto ambientale del Programma delle Nazioni Unite per lAmbiente - UNEP che dimostra come da decenni le compagnie petrolifere operanti nel paese abbiano devastato con le loro attività larea del delta del Niger, come denunciato anche da alcune ONG, quali Amnesty International, Environmental Rights Action, e inchieste giornalistiche. La disastrosa situazione ambientale e sociale del delta del Niger viene ribadita dalla sentenza della Corte di Giustizia della Comunità economica degli stati dellAfrica occidentale Ecowas, dicembre 2012, che evidenzia le responsabilità delle compagnie petrolifere che operano nel paese e del governo
  • 2000, 30 gennaio - Cianuro - Romania - Baia Mare - 100.000 m³ di acqua e fanghi ricchi di cianuro si riversano dalla miniera aurifera di Baia mare Romania e inquinano i fiumi Somes, Tibisco e Danubio.
  • 1955 - Mercurio - Iraq casi di intossicazione da composti del metilmercurio, usati come fungicidi sulle derrate agricole nei periodi 1955 -1956, 1959-1960, il maggiore nel 1971 -1972. 6000 vittime.
  • 1979 - Rifiuti tossici - Italia - La Spezia. Inizia il conferimento di rifiuti nella discarica di Pitelli. Verranno conferiti abusivamente anche rifiuti tossici.
  • 1988, 17 luglio - Dimetoato - Italia - Massa - Unesplosione nella fabbrica di insetticidi Farmoplant produce una nube tossica.
  • 1926 - Cr 6+ - Italia - Lago dOrta, inizia linquinamento dovuto a scarichi di solfati di rame e ammonio di una industria tessile per la produzione di rayon con il processo cupro-ammoniacale, in pochi anni il lago diventa invivibile per la maggior parte degli organismi pelagici e bentonici negli anni 60 i metalli scaricati da numerose elettrogalvaniche Cu, Cr, Ni, Zn aggravano linquinamento, ulteriormente accentuato dallacidificazione dellintera massa lacustre provocata dai processi di ossidazione biochimica dellammonio a nitrato. Dagli anni 80 graduale miglioramento anche a seguito di interventi massivi di liming.
  • 1970 - Mercurio - Brasile e stati confinanti. Vastissimo e indefinito inquinamento da mercurio, utilizzato dai garimpieros per lestrazione delloro in forma di amalgama dai depositi fluviali. Lestrazione si praticava dal XVI secolo, ma la scoperta dei giacimenti dello Scudo della Guyana o Guyana shield ha amplificato il fenomeno. Elevato ma indefinito 5 milioni di abitanti inizialmente numero di nativi interessati, a tuttoggi lestrazione continua. Il Brasile è il quarto produttore doro mondiale.
  • 1957 - Talidomide - in Germania e nel resto dEuropa ne inizia la commercializzazione su formula della Chemie Grünenthal. Solo nel 1961 scoppia il caso talidomide, sedativo usato in gravidanza e potente teratogeno. Stima di 10000 bambini nati focomelici. In Italia commercializzato fino al 1962.
  • 2001 - NH 4 NO 3 - Francia - Tolosa - Esplosione da nitrato dammonio alla AZF, 31 morti e 2442 feriti.
  • 1962 - SO 2 - Italia - Savona - Cengio, DallACNA Azienda Coloranti Nazionali e Affini, afferente allindustria EniChem, si riversano per decenni ingenti quantità di anidride solforosa, benzene e fenoli sterilizzando una vasta area. Nel 1988 un incidente induce il Ministro dellAmbiente Giorgio Ruffolo a decretare una prima chiusura dellimpianto, e definitivamente nel 1997.
  • 1953 - Diossine - Germania - fuga di diossine alla BASF, il 17 novembre 1953 negli impianti di Ludwigshafen, su una linea di produzione di Triclorofenolo.
  • 1921 - NH 4 NO 3 - Germania - Oppau Esplosione da nitrato dammonio alla BASF, oltre 800 morti.
  • 2009 - Rifiuti tossici e radioattivi - Italia - Calabria. Viene scoperto il Relitto di Cetraro, una nave affondata nel Mar Tirreno dalla ndrangheta carica di rifiuti tossici e radioattivi.
  • 2008 - Rifiuti tossici - Italia - Catania. Scoppia il caso di morti sospette negli ultimi anni di decine di ricercatori presso il laboratorio chimico della facoltà di farmacia dellUniversità degli Studi di Catania. Si scopre che i rifiuti tossici venivano scaricati illegalmente nei lavandini, inquinando le falde acquifere e producendo vapori tossici che risalivano gli scarichi. Inoltre il laboratorio non disponeva degli adeguati impianti di aerazione.
  • 1918 - Amianto - Italia - Balangero. Inizia lo sfruttamento dellamiantifera di Balangero che continuerà fino al 1990, causando molte vittime fra lavoratori e residenti nella zona, a causa dellinalazione delle fibre cancerogene.
  • 2007 - Rifiuti tossici - Italia - Abruzzo. Mercurio, piombo e composti clorurati sono i principali contaminanti rilevati. Bussi sul Tirino è al centro di unarea, nel bacino idrografico della Val Pescara, interessata da una decennale attività di occultamento di rifiuti tossici, si stima di 250.000 tonnellate solo nel primo rilevamento. Lunga serie di intossicati principalmente sul luogo di lavoro. Indagini e commissariamento della zona, contigua al Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, in corso. Le recenti scoperte di nuovi siti candidano la zona al primato di discarica abusiva di rifiuti tossici, maggiore dItalia.
  • 1964 - Diossine - Italia - Taranto - Entra in funzione il primo altoforno dello stabilimento siderurgico costruito dallItalsider a Taranto, dal quale fuoriuscirà una quantità di diossine superiore a quella fuoriuscita a Seveso in 50 anni di attività; questo provocò e provaca tuttora, oltre che innumerevoli casi tumorali nella città, in particolare nel quartiere Rione Tamburi, lavvelenamento del bestiame e delle cozze, provocando la rovina degli allevatori e dei mitilicoltori.
  • 1965 - Idrocarburi - Italia - Gela - Entra in funzione il polo petrolchimico di Gela che causò e continua a causare un forte inquinamento ambientale e la distruzione dellecosistema costiero.
  • 1970 - Cloruro di vinile - Italia - Porto Marghera. Per decenni le industrie chimiche della zona riversano CVM cloruro di vinile monomero, idrocarburi clorurati e metalli pesanti nella laguna. Gravi danni allambiente e decine di casi di tumore tra gli abitanti. I responsabili dei fatti, processati negli anni 2000 e con sentenza di cassazione a maggio 2007, godono della prescrizione dei reati commessi vedi il caso del polo petrolchimico di Porto Marghera.
  • 1956 - Idrocarburi - Italia - Augusta - Entra in funzione il polo petrolchimico siracusano che negli anni successivi provocò gravissimi danni ambientali ed un incremento delle malformazioni e dei tumori tra gli abitanti ed i lavoratori della zona. Limpianto è stato teatro di numerosi incidenti che hanno provocato la morte e lintossicazione di molti operai.
  • 1978 - Diossine e altre sostanze tossiche - Stati Uniti. Il sito, noto come Love Canal, nel comune di Niagara Falls stato di New York, nellimmediato secondo dopoguerra venne utilizzato dalla Hooker Chemicals and Plastics adesso Occidental Chemical Corporation OCC) per lo stoccaggio di 21.000 tonnellate di prodotti e rifiuti chimici, compresi clorurati e diossine. La contaminazione venne resa nota al pubblico solo nel 1978. La dispersione nellambiente delle stesse provocò levacuazione del quartiere residenziale che nel frattempo era stato costruito sopra. Fra i residenti ci furono molti casi di gravi malattie e malformazioni congenite.
  • 1978 - Cr 6+ - Italia - Genova - Cogoleto. La Stoppani, azienda operante da decenni sul territorio, risulta inadempiente. Dati della Regione parlano di 92.000 m³ di fanghi tossici stoccati nella discarica di Pian di Masino contenenti elevatissime quantità di metalli pesanti, mentre lagenzia regionale protezione ambiente ARPA ha trovato concentrazioni di cromo esavalente nelle acque di falda 64.000 volte superiore al limite. Vasto numero di abitanti e lavoratori coinvolti e significativo aumento di mortalità per tumori.
  • 1917 - Idrocarburi - Venezuela - Inizia lo sfruttamento petrolifero del Bolivar Coastal Field causando gravissimi problemi di inquinamento, malattie e bambini nati malformati. Questo inquinamento continua tuttora.
  • 1992 - Amianto. In Italia viene ufficialmente messo fuori legge lutilizzo del minerale, fino a quel momento largamente usato nel fibrocemento ed altri manufatti, e responsabile di migliaia di casi di Asbestosi, e soprattutto mesoteliomi, vista la lunga latenza della malattia, tuttora in atto.
  • 1916 - Mercurio e altri metalli pesanti - Italia - Rosignano Solvay, apre lo stabilimento Solvay per la produzione di soda caustica, e successivamente di altri prodotti chimici. Da allora vengono scaricati in mare grandi quantità di scarichi contaminati da sostanze tossiche. Questi scarichi hanno dato origine al fenomeno delle "spiagge bianche".
  • 2012 - Rifiuti tossici - Italia - Veneto. Vengono scoperti enormi quantità di scorie di fonderia altamente tossiche smaltite illegalmente sotto il tracciato della costruenda autostrada A31 tra Vicenza e Rovigo.
  • 1972 - Idrocarburi - Italia - San Dorligo della Valle e Basovizza - quattro cisterne di stoccaggio più una per "contagio" delloleodotto transalpino vengono colpite da un attentato ad opera dellorganizzazione terroristica Settembre Nero producendo una nube tossica. Inoltre, le scorie tossiche provenienti dallattività di bonifica verranno successivamente smaltite allinterno del Pozzo dei Colombi, una profonda grotta nei pressi di Basovizza, inquinando le falde acquifere.
  • 2010 - Fanghi tossici - Ungheria - Ajka. Una grande quantità di fanghi tossici fuoriescono da una fabbrica di alluminio contaminando una vasta area uccidendo 7 persone, intossicandone una ventina e inquinando gravemente i fiumi Torna, Marcal e Ràba che confluiscono nel Danubio.
                                     

2.2. Disastri ambientali famosi nel mondo Incidenti minerari

  • 2007, maggio - Miniera di carbone - Incidente nella miniera di Yubileynaya, in Russia. Vi sono 39 morti.
  • 1906, 10 marzo - Miniera di carbone - Unesplosione di polveri di carbone nella miniera di Courrières nel nord della Francia. vi sono 1099 morti, tra cui molti minatori bambini.
  • 2005, 19 marzo - Miniera di carbone - Unesplosione nella miniera di Sulongsi, contea di Fengjie in Cina.
  • 1956, 9 agosto - Miniera di carbone - Un incidente nella miniera di Marcinelle, in Belgio, provocò la morte di 262 minatori.
  • 2009, novembre - Miniera di carbone - Incidente nella miniera di Xinxing, a Hegang in Cina. Vi sono 87 morti.
  • 2010, 8 maggio - Miniera di carbone - Unesplosione per una fuga di gas metano, nella miniera Raspadskaya, nella regione siberiana di Kemerovo. Vi sono 60 morti.
  • 1985 - Tracimazione - Italia, la catastrofe della Val di Stava si verificò il 19 luglio quando i bacini di decantazione della miniera di fluorite a Prestavel ruppero gli argini scaricando 160.000 m³ di fango sullabitato di Stava, provocando la morte di 268 persone. È stata una delle più grandi tragedie che abbia colpito il Trentino.
  • 2005, 28 novembre - Miniera di carbone - Unesplosione di grisù con conseguente blocco impianti di aerazione, nella miniera di Dongfeng, nel Comune di Qitaihe provincia di Heilongjiang, nel Nord-Est della Cina. Vi sono 134 morti.
  • 2007, 8 dicembre - Incidente nella miniera di Ruizhiyuan, nella provincia di Shanxi in Cina. Vi sono 105 morti.
  • 2005, 19 marzo - Miniera di carbone - Unesplosione per una fuga di gas, nella miniera di Xishui a Shuozhou in Cina.
  • 1965, 28 maggio - Miniera di carbone - Un incidente nella miniera di Dhanbad a Jharkhand, in India. Vi sono 300 morti.
  • 1966 - Tracimazione - Bulgaria - Zgorigrad - Il 1º maggio una colata di fango di circa 220 000 m³ originatasi dal bacino di decantazione della attuale miniera Plakalnica piombo, zinco e uranio, travolse il paese, nel nord della Bulgaria, uccidendo 488 persone e provocando ingenti distruzioni materiali e ambientali.
  • 1942, 26 aprile - Miniera di carbone - Unesplosione di gas e polveri di carbone nella miniera di Benxihu Honkeiko Colliery, localizzata a Benxi, Liaoning, Cina. vi sono 1549 morti.
  • 1907, 6 dicembre - Unesplosione di grisù nella miniera di Monongah in Virginia occidentale, negli stati Uniti. Vi sono 900 morti.


                                     

2.3. Disastri ambientali famosi nel mondo Disastri legati al trasporto, alla produzione o alla lavorazione di idrocarburi

  • 1991, 14 aprile - Italia - La petroliera Amoco Milford Haven affonda al largo di Genova.
  • 1989, 24 marzo - Stati Uniti dAmerica - La petroliera Exxon Valdez affonda nel Golfo di Alaska.
  • 1979, 8 gennaio - Irlanda - Incidente della Betelgeuse; 50 morti.
  • 2010, 23 febbraio - Italia - Disastro ambientale del fiume Lambro
  • 2014, 8 dicembre - Israele - un guasto ad un oleodotto provoca il riversamento di 3 milioni di litri di petrolio nel deserto nei pressi di Eilat.
  • 2002, 19 novembre - Spagna e Portogallo - La petroliera Prestige affonda nellOceano Atlantico.
  • 2011, 5 ottobre - Nuova Zelanda - Disastro petrolifero di Tauranga del 2011
  • 1988, 6 luglio - Regno Unito - La petroliera Piper Alpha si incendia e affonda al largo di Aberdeen; 167 morti.
  • 1978, 16 marzo - Francia - La petroliera Amoco Cadiz affonda al largo delle coste bretoni.
  • 1980, 27 marzo - Norvegia - Disastro della piattaforma petrolifera Alexander Kielland; 123 morti.
  • 1967, 18 marzo - Regno Unito - La petroliera Torrey Canyon affonda al largo della Cornovaglia.
  • 2010, 20 aprile - 4 agosto - Stati Uniti dAmerica - Disastro ambientale della piattaforma petrolifera Deepwater Horizon.
                                     

2.4. Disastri ambientali famosi nel mondo Disastri legati allo sfruttamento civile dellenergia nucleare

Una delle scale attualmente utilizzate per la valutazione degli eventi è la scala INES, logaritmica e crescente, con 7 + 1 di valore nullo livelli di gravità, dove per incidente si considera un evento pari o superiore al livello 4 ovvero per esposizione della popolazione dellordine del mSv.

  • 1987 - Cesio 137 - Brasile - Incidente di Goiânia. Alcuni venditori di ferro vecchio recuperano una sorgente radioattiva utilizzata per le radiografie da un ambulatorio da poco abbandonato ignorandone la pericolosità. 4 morti e centinaia di contaminati.
  • 2008 - Italia - Lumezzane, una sorgente radioattiva contenente Cesio 137 viene accidentalmente fusa insieme ai rottami di ottone in una fonderia contaminando diverse tonnellate di materiale.
  • 1957, 1973 e 2004 - Regno Unito - 3 incidenti al reattore nucleare di Sellafield
  • 1986 - Černobyl Ucraina - incidente al reattore nucleare - 30 morti, 135 000 evacuati nel raggio di 40 km, enorme il numero di contaminati del disastro di Černobyl.
  • 1999 - Giappone, il 30 settembre a Tokaimura, villaggio a 130 km a nord est di Tokio si verifica una contaminazione da Uranio 238 proveniente da un impianto di produzione di combustibile nucleare. Si registra la morte di due operatori, 600 persone colpite da radiazioni ospedalizzate, evacuazione di 320 000 abitanti della zona.
  • 2011 - Giappone - Fukushima in corso, serie di quattro distinti gravi incidenti occorsi presso la centrale nucleare omonima a seguito del terremoto dell11 marzo 2011 e del relativo tsunami.
  • 1979 - Three Mile Island USA - incidente al reattore nucleare.
  • 1991 - Giappone, Il reattore di Mihama della Kansai Electric Power Co. Inc., un generatore nucleare da 826 000 kilowatt, in febbraio versa in mare 20 tonnellate di acqua altamente radioattiva.
  • 2004 - Giappone, Il reattore di Mihama della Kansai Electric Power Co. Inc., un generatore nucleare da 826 000 kilowatt, lo stesso del 1991, subisce una grave perdita di vapore ad alta pressione. Quattro gli operai morti sullimpianto, numerosi i feriti, almeno 7 i gravissimi di cui non è stata resa nota levoluzione sanitaria; tragedia sfiorata. Lazienda di controllo TEPCO Tokyo Electric Power in aprile veniva inquisita per falsificazione dei documenti relativi alla sicurezza.
                                     

2.5. Disastri ambientali famosi nel mondo Disastri legati allo sfruttamento delle risorse idriche

  • A partire dal dopoguerra, il prosciugamento del Lago dAral - Uzbekistan e Kazakistan. Il disastro del Lago dAral è da imputarsi principalmente al piano di coltura intensiva voluto dallUnione Sovietica, dal 1960 ad oggi il suo volume e la sua superficie sono diminuiti di circa il 75%. Secondo il premio Nobel per la pace del 2007 Al Gore, levento più grave della storia dellumanità.
  • 1963 - 9 ottobre Disastro del Vajont. Il disastro del Vajont è strettamente collegabile allo sfruttamento delle risorse idriche del territorio montano Italiano. Levento risale al 9 ottobre 1963 ed ha coinvolto il bacino idroelettrico artificiale del Vajont: gran parte del pendio soprastante linvaso -denominato Monte Toc- è franato nelle acque del bacino lacustre, provocando una tracimazione dellacqua e il conseguente dilavamento delle sponde del lago che hanno superato la diga ricadendo nel fondovalle e in particolare del comune di Longarone. Levento ha portato alla morte di circa 2000 persone.


                                     

2.6. Disastri ambientali famosi nel mondo Disastri per alterazioni dellambiente e degli equilibri tra specie animali e vegetali

  • 1869 - Lapertura del Canale di Suez diede inizio alla diffusione di specie tropicali del Mar Mediterraneo Migrazione lessepsiana.
  • 1931 - Negli USA, a causa dellerrato sfruttamento agricolo del territorio, il fenomeno noto come Dust Bowl tempeste di polvere devastò gli stati centrali e parte del Canada per otto anni. Pesanti ricadute su almeno mezzo milione di abitanti.
  • 1832 - Opuntia sp introdotte in Australia per delimitare i confini tra appezzamenti di terreno. I cactus, al cui genere appartiene anche il fico dIndia, introdotto anche nelle regioni calde dItalia, si moltiplicarono enormemente causando notevoli danni ambientali. Il fenomeno venne contrastato con la diffusione della farfalla Cactoblastis, parassita del vegetale. La vicenda è uno dei primi esempi di lotta biologica.
  • 1859 - Conigli. In Australia, una dozzina di esemplari inizialmente liberati presso Melbourne, riproducendosi senza controllo predatorio, devastarono in breve tempo la vegetazione del continente. Insieme ad altri mammiferi placentati alloctoni, quali volpi, gatti e maiali, causano tuttora ingenti danni allambiente australiano.
  • 1958 - In Cina il governo di Mao Tse Tung, nellambito della politica del "Grande balzo in avanti", diede inizio alla cosiddetta "campagna di eliminazione dei quattro flagelli", con la quale si prevedeva lo sterminio di massa di passeri, topi, mosche e zanzare. La campagna venne sospesa nel 1962, quando ormai aveva già creato squilibri gravissimi allecosistema che favorirono il sorgere della grande carestia cinese.
                                     

2.7. Disastri ambientali famosi nel mondo Disastri provocati dallazione militare e bellica, compresi test ed esercitazioni

  • 1984, 12 luglio - Uranio - Italia - Lentini - Incidente di Sigonella: un aereo dellUS Air Force precipita sversando nel terreno una grande quantità di uranio impoverito. Ne conseguirà un incremento di tumori e leucemie tra gli abitanti della zona.
  • 1946/1958 - Uranio - Oceano Pacifico - Con lOperation Crossroad numerosi test nucleari vengono eseguiti nellOceano Pacifico (in particolare nellAtollo di Bikini appartenente alle Isole Marshall da parte del governo degli Stati Uniti dAmerica.
  • 1944/1987 - Nove reattori nucleari militari dellHanford Site USA - Grave inquinamento della falda acquifera del Columbia river, in seguito a perdite dai serbatoi di separazione del Plutonio tramite processo PUREX contenenti lemulsione in idrocarburi di una soluzione acida di Uranio, Nettunio, tracce di Plutonio, Iodio radioattivo, e altri elementi risultanti dal processamento chimico dei prodotti di fissione dei nove reattori autofertilizzanti.
  • 1991 - Idrocarburi - Kuwait: durante la Guerra del Golfo i militari di Saddam Hussein incendiarono diversi pozzi petroliferi provocando una catastrofe ambientale.
  • 1965 - Diossine - Vietnam - Durante la Guerra del Vietnam e fino al 1970 vengono scaricate nellambiente e sulla popolazione vietnamita 80.000 t del potente erbicida agente Arancio.
  • 1999 - Uranio - Kosovo: luso massiccio di proiettili alluranio impoverito nel corso della guerra in Kosovo causò gravi contaminazioni ambientali e morti per tumore fra soldati e civili.
  • 1945 - Bombardamenti atomici di Hiroshima e Nagasaki.
  • 2011 - Uranio - Italia - Quirra: esplode il caso del Poligono sperimentale di addestramento interforze. Luso di proiettili ad uranio impoverito nelle esercitazioni militari sarebbe stato responsabile di molti casi di tumori, leucemie e altre gravi patologie fra la popolazione civile
  • 1949/1957 - Plutonio - Russia - Con gli esperimenti nucleari a scopo bellico nella località di Majak una vasta area viene contaminata. Ancor oggi i livelli di radioattività sono elevatissimi. Si veda anche Incidente di Kyštym.
  • 1949/1989 - Plutonio - Kazakistan - Nel poligono nucleare di Semipalatinsk vennero condotti 496 test nucleari contaminando pesantemente una vasta area.
  • 1943 - Bombardamento di Bari da parte dellesercito tedesco - immissione di iprite, allora usato come arma chimica, nellambiente.
Free and no ads
no need to download or install

Pino - logical board game which is based on tactics and strategy. In general this is a remix of chess, checkers and corners. The game develops imagination, concentration, teaches how to solve tasks, plan their own actions and of course to think logically. It does not matter how much pieces you have, the main thing is how they are placement!

online intellectual game →