Топ-100
Indietro

ⓘ Madonna di Prestarona



Madonna di Prestarona
                                     

ⓘ Madonna di Prestarona

La Madonna di Prestarona è lappellativo con cui nellomonimo santuario situato nel territorio del comune di Canolo viene venerata Maria, madre di Gesù, la cui festa cade la prima domenica dopo Pasqua. È particolarmente venerata dagli abitanti di Gerace e Canolo.

                                     

1. Posizione geografica

Il santuario, che si trova sullAspromonte orientale nel territorio del comune di Canolo, si raggiunge seguendo la SP1 ex SS111 e imboccando quindi lapposita strada che si trova prima di Gerace.

                                     

2. Origine e storia

Il santuario nacque come grancia del monastero di San Filippo dArgirò da cui era distante due chilometri.

Le notizie che si rinvengono in una platea risalente al 1507, conservata nellArchivio Capitolare di Gerace, avallano quanto già si sapeva riguardo allantichità della venerazione della Madonna di Prestarona e sui nuclei abitativi che sorgevano nei pressi del convento dove è ubicata. Nel documento è scritto che i monaci basiliani del monastero di San Filippo dArgirò presso Gerace possedevano, già prima dellanno mille, la chiesa di Nostra Signora di Prestarona e, secondo lOppedisano nella sua Cronistoria della diocesi di Gerace, ogni martedì vi cantavano le lodi alla Madonna Akàtisto. Unaltra testimonianza dellantichità di questa Madonna è riscontrabile in alcune monete coniate presso Mileto, dai normanni, che recano impressa proprio la sua effigie con in braccio il bambino che gioca con una colomba. Questo volatile è il suo elemento distintivo, essa infatti prende il nome proprio dalle numerose colombe che si affollavano intorno allacrocoro omonimo, – dal greco περιστερεων colombaia – cosa probabilmente dovuta alla posizione elevata del sito. La colomba fu poi immortalata nelle mani del bambino a simboleggiare sia la pace che lo spirito santo; lunica icona attualmente esistente che raffigura il bambino in braccio alla Madre di Dio mentre che gioca con due colombe, la Madre di Dio Konèvscaja, si trova presso il monastero di Konef in Russia e proviene dal monte Athos.

Nella cattedrale moderna di Gerace la madonna Assunta è raffigurata sullaltare maggiore in un dipinto insieme a San Filippo e a San Jejunio, mentre la statua lignea della Madonna di Prestarona, risalente al Trecento e scolpita personalmente da Tino da Camaino, o da alcuni allievi della sua scuola pisana, è ospitata nella cappella dellItria, che si trova allinterno della cattedrale di Gerace, dove risiede stabilmente dal 1976. Prima di questa data essa subì varie peregrinazioni dai campi alla chiesa, attualmente in mezzo ai campi si trova una copia della statua autentica; la statua lignea che si trova nella chiesa e si venera sotto il titolo di Santa Maria delle Grazie fu realizzata nel 1869 dallo scultore Rocco Larussa.

Dopo la scomparsa dei monaci i beni dellabbazia, tra cui la chiesa, passarono a degli abati commendatari che fecero costruire un romitorio in cui vissero gli eremiti che curarono la chiesa fino a metà degli anni 70. Nel 1813 il procuratore del cardinale Pallavicini fece ingrandire il romitorio. Successivamente la chiesa passò al capitolo cattedrale di Gerace che nominò un procuratore con lobbligo di celebrare la festa il 1º giovedì dopo la Pasqua. Nel 1862 il Vicario Capitolare Michele Sirgiovanni ingrandì a proprie spese la chiesa e fece selciare la strada che dalla chiesa conduce alledicola dove si trovava la statua della Madonna. Nel 1906 venne aggiunta la sala per ospitare il capitolo e il vescovo durante la festa e nel 1911 fu edificata la sacrestia; successivamente negli anni 30, ed anche successivamente, sono stati eseguiti lavori di restauro.

                                     

3. Leggende collegate

Le vicende collegate agli spostamenti della statua non potevano non far sorgere, nelle fantasiose menti del popolo calabrese, una delle tante leggende che girano intorno a molti santuari di questa regione; così il popolo si convinse che San Filippo, San Jejunio e la Madonna erano due fratelli e una sorella che abitavano presso un convento in contrada San Filippo. Mentre San Jejunio si recava a pregare nella contrada che oggi porta il suo nome e San Filippo restava in convento, la Madonna si allontanava continuamente senza dire dove andasse. Una sera i monaci del convento la seguirono trovandola a pregare presso il luogo dove oggi sorge la sua cappelletta. Altre volte la trovarono a pregare su un albero di gelso ed ancora nei pressi di un masso dove oggi sorge la chiesa. Una sera, racconta la leggenda, ella non fece più ritorno al convento ed i monaci, che uscirono ancora una volta per cercarla, la trovarono tramutata in pietra. Raccontato laccaduto al vescovo questi organizzò una solenne processione che condusse la statua nella cattedrale di Gerace ma la mattina seguente, inspiegabilmente, la madonna ritornò presso quel masso. Una processione ancora più solenne la riaccompagnò a Gerace ma il giorno dopo fu nuovamente trovata in mezzo ai campi. Il vescovo allora capì le intenzioni della Madonna e fece costruire, proprio sopra quel masso, il santuario a lei dedicato che venne abitato dai monaci basiliani. Quando questi se ne andarono, e qui la leggenda si mischia con la storia, affidarono la Madonna ad un eremita che ebbe sempre cura di tenere accesa la lampada di fronte alla statua.

Free and no ads
no need to download or install

Pino - logical board game which is based on tactics and strategy. In general this is a remix of chess, checkers and corners. The game develops imagination, concentration, teaches how to solve tasks, plan their own actions and of course to think logically. It does not matter how much pieces you have, the main thing is how they are placement!

online intellectual game →