Топ-100
Indietro

ⓘ Manlio Morgagni



Manlio Morgagni
                                     

ⓘ Manlio Morgagni

Manlio Morgagni è stato un giornalista italiano, fratello di un altro noto giornalista, Tullo, lideatore del Giro dItalia.

                                     

1. Biografia

Figlio di un agente dassicurazioni di tendenze mazziniane e di una maestra elementare, dopo aver ottenuto il diploma di scuola commerciale si trasferì a Milano col padre nel 1897 alla ricerca di un lavoro; nel 1912 divenne ispettore generale delle Messaggerie italiane e nel 1918 si sposò con Luigia Pozzoli, che aveva conosciuto quattordici anni prima.

Dapprima socialista e sindacalista, nel 1914 si era schierato a favore dellintervento nella prima guerra mondiale. Iniziò lattività giornalistica nel quotidiano Il Popolo dItalia, fondato da Benito Mussolini, di cui Morgagni rimase sempre grande ammiratore: in quel periodo cominciò a frequentare spesso la casa del futuro Duce e nel suo libro di memorie Rachele Guidi lo definì "sempre indaffarato per trovare quattrini".

Già nel 1919 un rapporto inoltrato alla Presidenza del Consiglio indicava Morgagni come uno dei principali intermediari tra Mussolini e gli ambienti politici francesi che contribuirono al finanziamento del giornale. Dal 15 novembre 1914 al 1919 fu direttore amministrativo del quotidiano; poco dopo la fondazione dei Fasci italiani di combattimento lincarico passò ad Arnaldo Mussolini mentre Morgagni si dedicò alla raccolta pubblicitaria. A proposito della fondazione dei Fasci, Morgagnì asserì nelle sue memorie di essere stato tra i fondatori del movimento; altre fonti invece sostengono che egli non partecipò alla prima assise del gruppo ma che, grazie allintervento di Mussolini, ottenne il permesso di essere inserito tra i "sansepolcristi".

A Milano fu consigliere comunale 1923-1926 e vicepodestà 1927-1928, nonché presidente della Commissione per labbellimento della città. Fu cofondatore, con Arnaldo Mussolini, e direttore, della Rivista illustrata del Popolo dItalia 1923-1943; fondò con Luigi Poli la rivista agraria Natura 1928-1932. È soprattutto noto come presidente e direttore generale dellAgenzia Stefani, incarico che ricoprì a partire dal 1924: sotto la sua guida lagenzia venne potenziata e ottenne importanza anche internazionale, tanto che Morgagni venne definito "il megafono del fascismo".

Grazie al ruolo rivestito alla Stefani, la posizione di Morgagni andò sempre più rafforzandosi allinterno del regime, causandogli ovviamente lostilità di molti gerarchi che malsopportavano la sua smaccata esaltazione del Duce: ad esempio il 16 aprile 1943, dalle colonne del Regime fascista, Roberto Farinacci descrisse la Stefani come "unagenzia personale daffari". Il 12 ottobre 1939, su proposta del Ministro della Cultura Popolare Dino Alfieri, venne nominato senatore del Regno. Amico, ammiratore e fedelie collaboratore di Mussolini, alla notizia dellarresto del Duce, si tolse la vita lasciando il seguente messaggio a lui indirizzato:

Al Cimitero Monumentale di Milano gli è dedicato, col fratello, un artistico monumento funebre, realizzato da Enzo Bifoli, monumento su cui spicca lepigrafe dettata dallo stesso Mussolini:

Free and no ads
no need to download or install

Pino - logical board game which is based on tactics and strategy. In general this is a remix of chess, checkers and corners. The game develops imagination, concentration, teaches how to solve tasks, plan their own actions and of course to think logically. It does not matter how much pieces you have, the main thing is how they are placement!

online intellectual game →