Топ-100
Indietro

ⓘ Gruppo V



Gruppo V
                                     

ⓘ Gruppo V

Il Gruppo V è stato un gruppo di artisti e operatori visuali italiano attivo tra il 1959 e il 1967, noto dal 1968 come Gruppo di ricerca cibernetica.

                                     

1. Storia

Il gruppo era costituito da un nucleo di artisti riminesi interessati a vario titolo al rapporto tra arte e scienza, operanti in stretta collaborazione con il Centro di Cibernetica e di Attività Linguistiche dellUniversità di Milano diretto da Silvio Ceccato. Nato su iniziativa del pittore Pino Parini e da lui coordinato, il gruppo coinvolse inizialmente nelle sue attività sperimentali i pittori Giulio Tedioli e Giorgio Scarpa, a cui seguirono Giorgio Benzi, Galliano Ricci e Mario Valentini, lo scultore Flavio Casadei, larchitetto Aldo Villani, lingegnere Antonio Valmaggi, Gerardo Filiberto Dasi e - per qualche tempo - Vittorio DAugusta, Eugenio Lombardini ed Augusto Betti.

Lambito di interesse e di attività di quelli che vennero definiti "pittori cibernetici riminesi" era rivolto allo studio dei processi mentali a fondamento della percezione visiva: ciò costituiva allepoca un approccio innovativo nellambito dellestetica e della stessa ricerca artistica, generando un connubio che avvicinava lartista allo scienziato e lo scienziato al filosofo.

Il gruppo presentò la propria" dichiarazione di poetica”, sintesi dei presupposti teorici della ricerca, al XIII Convegno Internazionale Artisti, Critici e Studiosi dArte tenutosi a Rimini nel 1964, partecipando successivamente in prima persona a esposizioni collettive ad Avezzano "Strutture di Visione" nel 1964, Milano "Nuove ricerche visive in Italia" nel 1966, Zagabria "Tendencija 3" nel 1965 e "Tendecije 4" nel 1968 ed una personale a Ferrara "Gruppo V" nel 1974.

Nel 1968 il Gruppo V mutò la denominazione in Gruppo di ricerca cibernetica, assumendo di fatto limpegno di rigorosa aderenza alle ricerche condotte dal gruppo di Ceccato sulle operazioni percettive. Tale linea di ricerca - facente fulcro su quella che è definita "Scuola operativa italiana" - è tuttora condotta avanti dal Centro internazionale di didattica operativa attivo a Rimini, e dalla Società di cultura metodologica operativa a Milano.

Lattività del Gruppo V va inquadrata nel contesto del suo periodo storico, ricco di fermenti culturali e artistici in cui viene indagata la stessa nozione di arte da parte di gruppi sperimentali formati da operatori visuali attenti non solo al ruolo dellartista ma anche a quello del fruitore: in tale clima creativo nascono Gruppo T a Milano, Gruppo N a Padova, Gruppo Uno, Sperimentale P e Gruppo Operativo R a Roma, Tempo 3 a Genova, Gruppo Atoma a Livorno ed altri similari.

La sua partecipazione al serrato dibattito artistico negli anni sessanta sul tema dell arte programmata e cinetica è citata, durante gli anni di attività del gruppo, nella rivista Domus nn. 422-433 1965 e nelle pubblicazioni Le arti oggi in Italia curata da Maurizio Fagiolo DellArco 1966 e New art around the world: painting and sculpture di W. Grohmann e S. Hunter 1966. Essa è stata successivamente sottolineata nelle esposizioni "Arte in Italia 1960-1977" alla Galleria civica darte moderna di Torino 1977, "Linee della ricerca artistica in Italia 1960-1980" a Roma nel 1981, "Movement as a message" a Praga nel 2008 e nella pubblicazione A Little-Known Story about a Movement, a Magazine, and the Computers Arrival in Art: New Tendencies and Bit International, 1961-1973 edita nel 2011.

Free and no ads
no need to download or install

Pino - logical board game which is based on tactics and strategy. In general this is a remix of chess, checkers and corners. The game develops imagination, concentration, teaches how to solve tasks, plan their own actions and of course to think logically. It does not matter how much pieces you have, the main thing is how they are placement!

online intellectual game →