Топ-100
Indietro

ⓘ Charlotte von Mahlsdorf



Charlotte von Mahlsdorf
                                     

ⓘ Charlotte von Mahlsdorf

Charlotte von Mahlsdorf, nome darte di Lothar Berfelde, è stato un antiquario tedesco, noto per aver fondato il Gründerzeitmuseum di Berlino-Mahlsdorf, e per la sua abitudine a vestirsi e comportarsi da donna.

                                     

1.1. Biografia Gli anni giovanili

Lothar Berfelde nacque a Berlino-Mahlsdorf nel 1928, figlio di un attivista del Partito Nazista. Secondo la sua autobiografia, già da bambino aveva labitudine di indossare abiti femminili, ed appassionarsi per le "vecchie cianfrusaglie". Trovò lavoro presso un traslocatore, che gli concedeva di tenere per sé alcuni vecchi mobili, con i quali Lothar iniziò la sua collezione.

Il padre si opponeva con forza alle sue scelte, e tentò invano di far iscrivere il figlio alla gioventù hitleriana. In seguito ad un litigio particolarmente violento uccide il padre, e nel gennaio 1945 il giovane Lothar fu condannato a quattro anni di prigione per "comportamenti asociali", che si interruppero però alla fine della seconda guerra mondiale.

                                     

1.2. Biografia Il dopoguerra

In seguito alla fine del regime nazionalsocialista, Lothar iniziò a lavorare come rigattiere, e iniziò a farsi chiamare Charlotte von Mahlsdorf, vestendo sempre abiti femminili. Continuò a collezionare vecchi mobili e oggetti quotidiani ritrovati nelle vecchie case bombardate, e dalla sua collezione nacque nel 1959-60 il Gründerzeitmuseum, ospitato nella vecchia casa padronale di Mahlsdorf, risalente agli inizi dellOttocento e minacciata di abbattimento.

Nel 1963 riuscì a salvare lintero arredamento della vecchia birreria Mulackritze, nel quartiere Scheunenviertel, poco prima dellabbattimento delledificio. La birreria fu ricostruita integralmente nello scantinato del museo.

Negli anni settanta il museo divenne anche punto di ritrovo della comunità omosessuale di Berlino Est, di cui "Charlotte" era un rappresentante molto noto. Nel 1972 ledificio fu posto sotto tutela monumentale Denkmalschutz.

Nel 1974 il governo della Repubblica Democratica Tedesca decise di nazionalizzare il museo, ma grazie allintervento dellattrice Annekathrin Bürger e dellavvocato Friedrich Karl Kaul, Charlotte poté restare in possesso della sua collezione.

Attualmente, il Gründerzeitmuseum costituisce una delle più importanti raccolte di oggetti quotidiani del periodo. Nel 2008 ledificio è stato restaurato, grazie allinteressamento personale del sindaco di Berlino, Klaus Wowereit. A Charlotte von Mahlsdorf sono dedicate numerose iniziative culturali gestite dal museo.

                                     

1.3. Biografia Il trasferimento in Svezia

Dopo la riunificazione tedesca, il museo fu bersaglio di alcuni attacchi a carattere omofobo da parte di gruppi neonazisti. Nel 1991, in seguito ad un grave episodio che si concluse con il ferimento di numerosi visitatori, Charlotte von Mahlsdorf espresse lintenzione di abbandonare la Germania.

Nel 1992 il regista Rosa von Praunheim girò un film sulla sua vita, intitolato Ich bin meine eigene Frau, a cui Charlotte partecipò nel ruolo di sé stessa.

Nel 1992 ottenne lOrdine al Merito di Germania, ma nel 1995 il museo chiuse, e due anni dopo Charlotte si trasferì a Porla Brunn, in Svezia, dove aprì un nuovo museo.

Il museo di Mahlsdorf venne acquistato dalla città di Berlino, e riaperto nel 1997 dalla fondazione Förderverein Gutshaus Mahlsdorf e.V.

Charlotte von Mahlsdorf morì dinfarto il 30 aprile 2002, durante una breve visita a Berlino. Fu sepolta al cimitero di Mahlsdorf, di fianco a sua madre.

Free and no ads
no need to download or install

Pino - logical board game which is based on tactics and strategy. In general this is a remix of chess, checkers and corners. The game develops imagination, concentration, teaches how to solve tasks, plan their own actions and of course to think logically. It does not matter how much pieces you have, the main thing is how they are placement!

online intellectual game →