Топ-100
Indietro

ⓘ Cernusco sul Naviglio




Cernusco sul Naviglio
                                     

ⓘ Cernusco sul Naviglio

Cernusco sul Naviglio è un comune italiano di 34 846 abitanti della città metropolitana di Milano, in Lombardia. Il toponimo originale fu Cernusco Asinario fino al 1859. Nel 1985 lallora presidente della Repubblica Sandro Pertini firmò il decreto che conferì a Cernusco sul Naviglio il titolo di città. Fa parte del territorio della Martesana.

                                     

1. Geografia fisica

Il Naviglio Martesana

Il Naviglio della Martesana, o Naviglio Piccolo, inizia presso la frazione di Concesa del comune di Trezzo sulla destra dellAdda e giunge fino a Milano.

                                     

2. Storia

In epoca romana il territorio di Cernusco sul Naviglio era attraversato da unimportante strada romana, la via Gallica. Fino alla metà del XIX secolo il paese si chiamò Cernusco Asinario. Secondo alcuni il toponimo viene dal nome del funzionario romano Caio Asinio morto nel 45 a.C., la cui tomba è stata rinvenuta nel 1849 a Cascina Lupa. In epoca longobarda il territorio di Cernusco appartenne alla Basilica di Monza. Successivamente passò alla Pieve di Gorgonzola.

Nel 1443 Filippo Maria Visconti, duca di Milano, approvò il progetto di un canale che fosse in grado di irrigare le campagne nei pressi di Cernusco, oltre che di azionare i mulini della zona. I lavori furono iniziati da Bertola da Novate e si conclusero 1457. Il canale prendeva le acque dellAdda le faceva confluire nel Seveso, dopo Cassina de Pomm. Nel 1497 Leonardo da Vinci, su richiesta di Ludovico il Moro, studiò un nuovo percorso e fece congiungere il naviglio con le acque della Fossa interna, con uno sviluppo complessivo, sino al Ponte delle Gabelle, di 36.5 km. Il problema del dislivello fra i due canali venne risolto con la costruzione di sbarramenti nella conca di San Marco. Nel 1459 venne costruito il ponte quello attuale di viale Assunta, successivamente demolito e ricostruito nel 1630 e restaurato nel 1932. Il canale fu prima scavato fino alla Cassina de Pòmm, ma Leonardo da Vinci nel 1497, attraverso la costruzione di conche, lo condusse fino a Milano. Il Naviglio della Martesana, perfezionato ed allargato nel 1572, misura 38.440 chilometri totali, 6.280 dei quali in città.

Nel XIII secolo Cernusco Asinario divenne feudo dei Della Torre, successivamente sconfitti dai Visconti, i quali incamerarono questo feudo. Nel XV secolo, sotto gli Sforza, il paese venne assegnato ai Visconti Marliani, per passare poi ai Trivulzio. Nel XVII secolo il feudo venne acquisito dai Serbelloni.

In forza del decreto di aggregazione e unione dei comuni del dipartimento dOlona decreto 4 novembre 1809 a il comune di Cernusco Asinario restò a far parte del cantone IV del distretto III di Monza: la sua popolazione ammontava a 2.427 unità. Nel decreto di concentrazione e unione dei comuni del dipartimento dOlona decreto 8 novembre 1811 il comune di Cernusco risultava formato dagli aggregati di Cernusco Asinario e di Cassina de Pecchi con Colombirolo e lunita Camporicco: incluso nel distretto III di Monza, cantone V di Gorgonzola, il comune contava 2.986 abitanti. Nel 1816 le frazioni vennero scorporate a formare il ricostituito comune di Cassina De Pecchi. Nel 1866 la frazione Increa venne scorporata e unita al nuovo comune di Brugherio.

Arrivato al Novecento come uno dei tanti comuni di Lombardia, Cernusco seguì le vicende del Regno dItalia e del regime fascista fino alla Resistenza. La resa dei nazifascisti avvenne per diretta trattativa tra Felice Frigerio, partigiano cattolico e poi pittore cernuschese, e il comando germanico, che si era attestato a Palazzo Tizzoni nella piazza Matteotti. A Frigerio è stata intitolata la sala conferenze dellex Filanda. Nel 1924, secondo alcuni fedeli cattolici, avvennero le apparizioni della Beata Vergine Maria del Divin Pianto a suor Elisabetta Redaelli.

                                     

3. Monumenti e luoghi dinteresse

Chiesa Parrocchiale di Santa Maria Assunta

Consacrata il 17 luglio 1932 dal cardinal Ildefonso Schuster.

Villa Ferrario

Villa barocca, situata nellodierna via Cavour verso la quale affaccia la fronte principale preceduta dal parco, mentre la fronte posteriore affaccia su una corte.

                                     

3.1. Monumenti e luoghi dinteresse Chiesa Parrocchiale di Santa Maria Assunta

Consacrata il 17 luglio 1932 dal cardinal Ildefonso Schuster.

                                     

3.2. Monumenti e luoghi dinteresse Santuario di Santa Maria Addolorata

Luogo di culto fondato probabilmente nel IX secolo, e riedificato nel Seicento passando da una pianta a due navate asimmetriche, ad una sola navata; sulla facciata è posta una vetrata datata al 1562 di particolare interesse e nel 1998 è stato realizzato il nuovo portale in bronzo, su disegno di Felice Frigerio, nelle cui formelle viene raffigurato il tema di Maria Madre della Chiesa.

                                     

3.3. Monumenti e luoghi dinteresse Villa Alari

Villa di delizia costruita allinizio del Settecento dallarchitetto Giovanni Ruggeri per il conte Giacinto Alari, costituisce uno dei maggiori esempi di Barocchetto lombardo. Presenta pregevoli interno decorati da Borroni Giovan Angelo, "il trionfo di Apollo" ; Fabbrica Francesco, Pietro Maggi, Giovanni Antonio Cucchi. Ospitò lArciduca Ferdinando dAsburgo, per poi venire convertita nel novecento in ospedale psichiatrico. Attualmente 2018 in fase di restauro.

                                     

3.4. Monumenti e luoghi dinteresse Villa Biancani Greppi

Monumentale residenza barocca, posseduta nel Seicento da Antonio Biancani, passò alla fine del Settecento ai Greppi che ne ordinarono il restauro in stile neoclassico forse a Piermarini. Lasciata in eredità allOspedale Maggiore di Milano, fu convertita in ospedale perdendo arredi e decorazioni. Dal 1961 è proprietà del Comune di Cernusco che ne ha eseguito il restauro. Nellantico parco, originariamente giardino "alla francese", è stato edificato un edificio scolastico e la Biblioteca Comunale.

                                     

3.5. Monumenti e luoghi dinteresse Villa Uboldo

Costruita quale villa di delizia dal banchiere milanese Ambrogio Uboldo, su progetto del cugino Cirillo Rougier, nel 1817, in stile neoclassico. Presenta la fronte principale verso il naviglio, ornata da un timpano che riportava lo stemma dagli Uboldo. Particolarmente celebrato dagli ospiti il parco romantico, completato nel 1837. Caratterizzato da una fitta vegetazione, e affacciato sul naviglio, era arricchito da molti elementi creati per evocare atmosfere gotiche e misteriose, quali il Ponte del Diavolo ", il Tempio della Notte, il Labirinto, l Antro di Enea e Didone, oggi purtroppo scomparsi o degradati.

                                     

3.6. Monumenti e luoghi dinteresse Villa Ferrario

Villa barocca, situata nellodierna via Cavour verso la quale affaccia la fronte principale preceduta dal parco, mentre la fronte posteriore affaccia su una corte.

                                     

3.7. Monumenti e luoghi dinteresse Palazzo Viganò

Ampio palazzo a due piani costruito attorno a una corte quadrata, allangolo fra le vie Cavour e Caio Asinio, presenta uninteressante facciata adorna da caratteristici cornicioni e una gronda a gola rovesciata. Allinizio del novecento appartenne al pittore Vico Viganò.

                                     

3.8. Monumenti e luoghi dinteresse Cascina Castellana

Presenta una parte rustica articolata attorno a un cortile quadrangolare, mentre la parte padronale a ovest consiste di due piani affacciati su un piccolo giardino allitaliana, e sulla corte donore con un portico a tre fornici e colonne in pietra.

                                     

4.1. Società Evoluzione demografica

  • 1150 nel 1751
  • 2200 nel 1805
  • 2896 nel 1811 dopo annessione di Cassina de Pecchi e Camporicco
  • 2427 nel 1809
  • 1591 nel 1771
  • 4770 nel 1859
  • 4404 nel 1853
  • 5122 nel 1861

Secondo i dati ufficiali sulla popolazione residente pubblicati da Comune di Cernusco sul Naviglio nellambito del progetto OpenData, i residenti al 27/3/2013 erano 32.432.

Levoluzione demografica della popolazione mostrata dai dati ISTAT nei censimenti generali della popolazione italiana mostra un aumento pressoché costante della popolazione, passata 4.769 unità nel 1861 a 30.697 nel 2011, con unaccelerazione tra il 1950 e i primi anni 80.

Abitanti censiti

                                     

4.2. Società Etnie e minoranze straniere

Secondo le statistiche ISTAT al 1º gennaio 2016 la popolazione straniera residente nel comune era di 2.008 persone, pari al 6% della popolazione. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

                                     

4.3. Società Religione

La religione prevalente a Cernusco è il cattolicesimo. Dal 1º settembre 2007 le tre parrocchie della città, dedicate a Santa Maria Assunta chiesa prepositurale, a San Giuseppe Lavoratore e alla Madonna del Divin Pianto, sono raggruppate in una comunità pastorale, dedicata alla Famiglia di Nazaret. Si aggiunge a esse il Santuario di Santa Maria Addolorata e la chiesa di San Rocco a Ronco.

In Cernusco sul Naviglio è presente lOrdine Ospedaliero di San Giovanni di Dio conosciuto più comunemente come Fatebenefratelli: nella Curia Provinciale e nellIstituto S. Ambrogio. Inoltre altra realtà religiosa presente sono le Suore di Santa Marcellina che oltre allasilo "Suor Sorre" hanno una RSA "Soggiorno Biraghi" e il convento luogo di fondazione dellOrdine e che nel 1924 vide lapparizione della Beata Vergine Maria del Divin Pianto, alla quale fu dedicata lomonima chiesa.

                                     

5. Cultura

Scuole

Sono presenti 2 scuole superiori:

  • lIstituto Professionale Statale IPSIA "Ettore Majorana".
  • lIstituto Tecnico Sperimentale Statale a Statuto Speciale ITSOS "Marie Curie";
                                     

6.1. Infrastrutture e trasporti Strade

Cernusco sul Naviglio sorge ad est di Milano, da cui dista circa 10 chilometri, ed è interessata da una rete stradale fortemente strutturata che facilita le relazioni sovraprovinciali. Le principali vie di collegamento sono la Tangenziale Est la cui uscita 13 è dedicata a Cernusco e Brugherio, che consente di raggiungere rapidamente il capoluogo le principali autostrade dellItalia settentrionale, e la ex Strada statale 11 Padana Superiore.

Inoltre occorre menzionare anche la rete di strade provinciali, che consente le relazioni con i Comuni limitrofi: la S.P. 113 per Monza; la S.P. 120 che nellabitato del Comune assume via la denominazione di: Via Amerigo Vespucci ; Via Cristoforo Colombo ; Via Alessandro Manzoni ; Via Suor Marina Videmari per Sesto San Giovanni; la S.P. 121 lasse stradale che assume le denominazioni di: Via Torino ; Via Giuseppe Mazzini ; Via Giuseppe Verdi, che conduce a Carugate e da lì allAutostrada A4 e la S.P. 103 Cassanese, che conduce ad Est verso Melzo e ad Ovest verso Pioltello, Segrate e termina a Milano, zona Lambrate.

A 10 km circa da Cernusco, sorge lAeroporto "Enrico Forlanini" di Linate, ora dedicato principalmente ai voli nazionali.



                                     

6.2. Infrastrutture e trasporti Trasporto Pubblico Locale

A Cernusco sul Naviglio è presente anche un servizio di trasporto locale, gestito da LINE, con autobus che copre con 7 linee il percorso urbano cittadino, offre inoltre un servizio scuole e una linea speciale per il giorno di mercato. In aggiunta a questo, in città, è presente anche, dal 2013, il servizio a chiamata. Oltre al biglietto ordinario sono previste altre tipologie sia di biglietto singolo sia di abbonamento, inoltre accetta lutilizzo dello smartphone per comprare biglietti e rinnovare abbonamenti.

                                     

6.3. Infrastrutture e trasporti Bike Sharing

Dal giugno 2011 il comune di Cernusco sul Naviglio attiva il servizio denominato Meglio in Bici: servizio di bike sharing insieme ai comuni limitrofi di Carugate e Pioltello. Dal 2017 è stata fatta una nuova convenzione fra Cernusco e Pioltello per una durata triennale fino al 2019. I dati del 2016, si legge nel bilancio di fine mandato dellAmministrazione:

"483 utenti del bike sharing nel 2016, 6.582 km percorsi, 65% gli spostamenti del servizio sovracomunale che inizia o termina a Cernusco"

Sono oltre 60 le biciclette messe a disposizione con oltre 80 stalli per la sosta.

                                     

6.4. Infrastrutture e trasporti Metropolitana

Lo sviluppo di Cernusco sul Naviglio è stato facilitato dalla presenza della linea M2 della metropolitana di Milano, che permette di raggiungere Milano in pochi minuti e, verso est, Cassina de Pecchi, Gorgonzola e Gessate. Attualmente le stazioni nel territorio cernuschese sono due: una serve il centro urbano, mentre la seconda Villa Fiorita serve la zona industriale e funziona da stazione interscambio per i comuni limitrofi.

                                     

7. Amministrazione

Altre informazioni amministrative

Nel marzo del 2015 la città aderisce allUnione di comuni della Martesana, comprendente oltre a Cernusco i comuni di Gorgonzola, Carugate, Pessano con Bornago, Bussero e Cambiago.

Anche gli utenti hanno cercato:

...
...
...